Tag: Milano

Metallica
Senza categoria

I Metallica in Italia al Sonisphere Festival

I Metallica si esibiranno in Italia al Sonisphere Festival che si terrà all’Arena Fiera Rho di Milano il 2 giugno 2015. I biglietti sono già acquistabili sul sito ufficiale di TicketOne.

Prezzi:

Gold Circle – Posto Unico Intero American Express – € 103,50
Regular – Posto Unico Intero American Express – € 80,50

Orari:

Apertura porte: ore 13.00
Inizio concerto: ore 15.45

Continue reading
La Sete
Recensioni

La Sete

Quindici minuti: il tempo necessario per apprezzare 4 brani tutti diversi tra loro, ma con una cosa in comune: La Sete. La sete di esplorare mondi nuovi, la sete di ribellione contro la stasi, la sete di vita vera.

Tutto questo, e molto altro, lo troviamo nel primo EP di una giovane, ma per niente improvvisata, band milanese: La Sete, appunto. Il gruppo, nato nel 2012, si affaccia sul panorama indie italiano quasi come ne facesse parte da sempre e lo fa lo scorso giugno con il disco omonimo. Le tracce che lo compongono vedono la luce a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano: non troppo lontano dalla città per poterne scrutare con consapevolezza gli aspetti di una vita frenetica e poco vissuta. La Sete, completamente autoprodotto, già dal primo ascolto, risulta essere un progetto convincente e armonioso, nonostante le differenze stilistiche tra un brano e l’altro. Diverse sono, infatti, le ingerenze che possiamo riscontrare all’interno dell’album: da un cantautorato vecchio stile, ma sempre efficacie, a un folk rocambolesco, ma necessario, al rock italiano appassionato, che non si scompone mai troppo. Musiche sempre sorprendenti fanno da culla a testi profondi, intimi, sinceri, realizzati tutti dalla penna di David Moriconi (voce della band). Il brano d’apertura dell’album, Rospo, ci catapulta subito in un’atmosfera magica, fatta di sogni e di speranze per un amore che deve scontrarsi con la dura realtà. Qui, la presenza fulminea di una voce gentile e raffinata come quella di Roberta D’Elia è quasi essenziale. Il secondo pezzo, invece, è quello che rientra maggiormente nel mood indie-rock contemporaneo. Urlato e sporco, Tra la gente apposto tutto scorre normalmente risulta originale e fresco, pungente quanto basta. Si ritorna a toni leggeri e pacati con Trentenni in pausa pranzo, che ci parla, invece, del disincanto, della rassegnazione e della voglia, al tempo stesso, di uscire da questo circolo vizioso. L’ascoltatore non può che rimanere subito colpito dal linguaggio qui usato, mai rabbioso o rancoroso. Una sorpresa inaspettata. La speranza riemerge con Sensibile, che lascia spazio alla ricerca della felicità, della spensieratezza.

Un album che si fa ascoltare più e più volte. E voi quanta sete avete?

Continue reading
MArteLabel Fest Milano
Senza categoria

MArteLabel Fest

Torna di nuovo l’appuntamento con il MArteLabel Fest, il festival itinerante che vedrà le band di MArteLabel insieme per un tour che nei prossimi mesi toccherà le principali città italiane.

Dopo la prima a Roma, MArteLabel Fest arriva alla Fabbrica del Vapore di Milano location nella quale si esibiranno Nobraino, Dellera, Mammooth e Giacomo Toni.

Inoltre, così come per l’edizione 2013, il tour sarà accompagnato dalla pubblicazione di una compilation, la MArteLabel Fest Compilation Tour Vol.2, nella quale saranno presenti i maggiori successi 2014 di tutti gli artisti del roster dell’etichetta.

Continue reading
Fotografia

Anthony De Luca

Anthony De Luca è un fotografo pubblicitario e riconosciuto nell’ambiente delle fotografia come un artista originale e poliedrico. I suoi scatti sono davvero unici ma vogliamo parlare con lui delle provocazioni / performance che lo vedono protagonista “davanti” alla macchina fotografica. La sua sua sconfinata creatività lo porta a creare azioni di guerrilla marketing non solo per brand importanti, ma anche per se stesso. Anthony mette in scena situazioni che creano shock visivi, creando tra il pubblico stupore, curiosità, incredulità. Tocca spesso temi comuni, ma senza allegare “messaggi banali e scontati” solo per dare maggior forza mediatica alla sua azione. Chi non ha mai immaginato ad esempio come sarebbe il proprio funerale?! Anthony ha creato il primo funerale da vivo al mondo, solo per vedere cosa si può provare. le sue invasioni artistiche capaci di trasferire inquietudine e stupore. Performance irruente volte a paralizzare e poi sciogliere le abitudini quotidiane, capaci di deragliare le rotte di tutti i passanti. Impressioni di movimento e di alienazione presenti anche negli archivi fotografici, testimoni di voli tra disordine ed inspiegabile equilibrio.

Le tue invasioni ti hanno garantito visibilità e “viralità” avremmo tanto da chiederti, ci piacerebbe sapere piccole curiosità sulle tue incursioni: una donna seminuda trascinata in un sacco trasparente per le vie di mMlano, quali sono state le reazioni della gente?

Nei primi secondi in cui passi davanti alle persone i loro sguardi sono “asettici”, quasi come se lascena che gli si propone davanti fosse talmente assurda che potrebbe essere un allucinazione, poi subito dopo scatta quasi sempre un sorriso o una faccia che esprime incredulità. In tanti tirano fuori telefonini per seguirti e documentare tutta la “camminata”.

Una di queste performance è stata fatta per le vie di Mologna con neve ed una temperatura a – 5 gradi ed una ragazza quasi nuda, come convinci queste temerarie? La modella protagonista ha avuto conseguenze fisiche ?

Ah ah ah fortunatamente no, anche se ha rischiato l’ipotermia. Riguardo al coinvolgimento ho continue richieste ogni giorno di ragazze che vorrebbero essere coinvolte nelle performance,vengono da ogni parte d’Italia e a loro spese. Il loro entusiasmo mi da una grande soddisfazione…

Quante incursioni di questo genere hai fatto e in quali luoghi?

Tantissime, oltre a contesti urbani, realizzo queste azioni all’interno dei locali o eventi, una voltasono entrato anche in uno studio televisivo durante una diretta di un programma sul calcio, trascinando una donna incellophanata… nessuno sapeva della mia “entrata”, mi piace vedere la reazione stupita delle persone.

Una donna di 130 kg in intimo su un carrello da magazzino… l’hai portata in giro per le strade di Bologna… quindi non solo modelle con fisicità da urlo?

Questa è stata la più divertente. Riguardo alla domanda “perchè 130 kg non sono da “urlo” ? 😛 A parte gli scherzi, grande stima per quest’ultima protagonista, collaborare con una ragazza che non ha paura di mostrare quello che per la “massa” è un difetto è stato un vero onore.

Tra tutte le tue numerose performances  spicca sicuramente: Il primo funerale da vivo al mondo! Raccontaci in breve.

E’ la performance che amo di più e per la quale molti mi ricordano, ho voluto creare il mio funerale in “anticipo” per godermi l’unico evento al quale non potrò mai assistere. Tutto è stato fatto come un vero e proprio funerale, macchina, bara, corteo, banda musicale, una breve messa in Piazza Maggiore ed infine una camera ardente in un palazzo storico a Bologna, in cui sono venute circa 600 persone a darmi gli “ultimi saluti”… cosi almeno si sono levati il pensiero quando ci sarà il vero funerale 😉

Tu eri dentro la bara? Cosa hai provato?

Sì, sempre… dall’inizio del corteo, avevo fatto delle prove di respirazione nel mio ufficio, per 40 minuti si riesce a resistere. Durante la veglia il coperchio era aperto ed io immobile per un’ora. La sensazione è davvero unica… sono entrato in un completo stato di trance, lasciandomi trascinare durante l’evento da fidatissimi collaboratori. Tutto era cosi talmente vero che molte persone si sono commosse pura sapendo che ero ancora vivo (o forse piangevano proprio per questo 😉

Leggevo quanto, questi “attacchi” artistici, siano spesso commissionati da terzi per fini pubblicitari. Sapresti fornirci un identikit dei committenti?

Sì, spesso le aziende si affidano a me per creare progetti di comunicazione originali che diano loro visibilità. Da una campagna fotografica originale e d’impatto alla creazione di un progetto di guerriglia. L’identikit è semplice… brand anticonformisti che non hanno paura di “osare”.

Presumo tu sia un’artista freelance ma la nostra domanda è d’obbligo: con o senza mecenate?

SENZA! Ma continua la mia ricerca. In Italia non credo molto nella professionalità e bravura di questa figura.

Continue reading