Come non amarsi?

Volenti o nolenti, sapevamo che prima o poi sarebbe arrivato questo giorno. C’è chi lo odia e c’è chi si dimostra più devoto del solito: San Valentino è ufficialmente iniziato. Ci ameremo di più oggi? Forse no, ma un po’ di romanticismo non guasta mai. L’unica cosa certa è che i fiorai avranno un gran da fare… Ma che ce ne importa? La cosa più importante, oggi e sempre, è l’ammore! E noi, amandovi tutti (o quasi) e amando la musica (tutta, o quasi), abbiamo deciso di regalarvi non dei semplici cioccolatini, ma una classifica (in ordine casuale) delle 10 canzoni indie d’amore più belle. Potrete farcene una serenata stasera, o semplicemente ascoltarle, che non fa mai male. Pronti? Cominciamo:

10) Brunori Sas – Tra milioni di stelle: come non menzionarlo in questo breve, ma intenso elenco? Il brano, leggero e spensierato, è una dedica dolce e per niente banale.

“Ci sei tu, la mia unica luna tra milioni di stelle, a tener su la vita con un paio di bretelle”

9) Il Teatro degli Orrori – Io cerco te: brano urlato, appassionato, energico, non proprio sdolcinato, ma d’effetto.

“Lo spettacolo umano più bello  che mi sia stato dato: osservare da vicino qualcuno che sa bene che è maligno il mondo,  ma che nel cuore in fondo riconosce sempre  il bene dal male”

8) Dente – Saldati: in perfetto stile, Dente non si smentisce mai.

“Io divento un fiume e tu profumi come un fiore”

7) UNA – Qui ed ora: suadente, solo come la voce femminile sa esserlo. Vera ed emozionante, che cattura subito l’attenzione.

“Avrò baciato mille volti e mille braccia mi hanno stretto, ma per questo non ho smesso mai di amare solo te”

6) Afterhours – Musa di nessuno: il gruppo è una garanzia in fatto di qualità e originalità e questo pezzo non è da meno. Una dedica insolita, ma speciale.

“Musa di nessuno come sei , che non sai di niente ma di te,  che mi guardi e io non capiro’ .. Io che non so”

5) Maria Antonietta – Animali: la sua voce e il suo mood sono riconoscibili sin da subito.Il testo? Una poesia.

“Tu, che sei diverso da tutti gli altri, sei l’uomo con cui voglio svegliarmi ogni mattina. Chè io ancora non mi sono adattata a questo tipo di Universo, come fanno tutti gli animali e gli uomini intelligenti”

4) Dimartino – Non siamo gli alberi: il brano è un crescendo di emozioni, con un intro pacato nei toni e una fine che esplode in gola.

“Ah sarebbe bello non lasciarsi mai, ma abbandonarsi ogni tanto è utile o necessario alla sopravvivenza di animali in estinzione come noi”

3) Marta sui Tubi – I nostri segreti: la loro energia si placa per lasciare spazio ad una ninnananna romantica e nostalgica.

“Non mi basterai come a una vela non basterà il vento , ma mi mancheresti come al mare mancherebbe il sale”

2) Perturbazione – I complicati pretesti del come: se proprio volete essere sdolcinati stasera, questa fa al caso vostro. Bellissima e piena di significato.

“E resta solo il cuore spalancato su di te, che sei il mio nutrimento tendente all’infinito”

1) Fast Animals and Slow Kids – Lei: se, fino ad ora, vi siamo sembrati troppo smielati, chiudiamo il nostro percorso con un brano che di romantico ha ben poco. Vogliamo accontentare tutti.

“Forse convieni con me che la banalità di un testo d’amore è solo paragonabile a quella di un testo politico”

In ogni caso: AMATEVI!