IllCox

Illcox: Associazione? Crew? Umanoide?

Be’, potremmo cominciare con il dire che il nostro “umanoide” potrebbe essere l’ideatore di questo progetto: la nascita di questa illuminante idea della piattaforma. È poi diventata, progetto reale di alcuni ragazzi che oggi sono la nostra crew. Piano piano stiamo crescendo: da pochi giorni ci siamo trasformati in associazione. La nostra idea, infatti, sarebbe quella di “mettere sotto lo stesso tetto” persone accomunate da una grande creatività così da poter far diventare il mondo più colorato. Cit. I COLORI SALVERANNO IL MONDO

Leggendo la vostra “mission” (IllCox è contro l’elite ma crede nella meritocrazia) emergono una serie di elementi strettamente legati a “senzamecenate”. Cosa vi ha spinto a voler dedicare, fortemente, spazio agli artisti?

L’idea primaria è quella di un ragazzo, cresciuto e formatosi nel mondo della moda dove ha avuto la possibilità di viaggiare e conoscere persone interessanti e con molto talento che, purtroppo, sono costrette a vivere in un mondo grigio, che dà troppa importanza ai soldi. Da queste esperienze ha capito due cose della società: la totale mancanza di meritocrazia e la perdita del “piacere di vivere in maniera creativa” per colpa delle regole che la società ci impone. È da questi difetti genetici che nasce l’idea di una piattaforma libera in cui ognuno può esprimersi: se, infatti, ognuno avesse la possibilità di sfruttare al massimo la sua dote, il mondo andrebbe meglio.

Quali aspetti dell’arte curate maggiormente?

L’arte secondo noi, non ha aspetti, ma è solamente il puro piacere di dar forma a una sensazione, quindi in qualsiasi cosa può esserci dell’arte!

Sono gli stessi artisti a proporsi, e dunque ad usare il vostro sito come vetrina, o è il vostro staff a ricercare e selezionare le figure con maggiore talento?

IllCox è nato da poco ed è cresciuto grazie ad un effetto piramide, una sorta di passaparola! Ad oggi accadono un po’ tutte e due le cose: spesso sono gli artisti a proporsi, ma capita anche che sia la crew a cercare e scovare talenti, per poi convincerli a mettersi in mostra.

All’interno della vostra pagina web illcox.com è presente una sezione “shop”. Cosa è possibile acquistare?

È possibile acquistare tutto ciò che un artista crea e decide di mettere in vendita: si passa quindi da t-shirt, poster, tele, ecc.

IllCox è un progetto molto giovane ma già fortemente affermato, avete già attivato collaborazioni con altre associazioni?

Come hai ben precisato nella domanda, siamo un progetto giovane e in crescita. Le collaborazioni, quindi, sono in pratica quotidiane: tutto ciò che è esposto nel blog è considerato come tale. Tra queste ce ne sono state alcune con artisti di rilievo come Peppe Marchegiani e Andrea Vannini, che hanno contribuito a dare maggiore visibilità al nostro progetto; oltre a queste potrei, ovviamente, citarne molte altre. Parlando di associazioni, voglio svelarti che c’è un grande progetto in cantiere di cui, però, non dò nessuna anticipazione: lo scoprirete a breve.

Quali obiettivi si prefissa di raggiungere IllCox?

Tornando alla teoria dei colori, noi ci prefiggiamo di essere “un’isola dell’arte”, un luogo in cui ognuno, prima di arrivare deve lasciare la razionalità sulla terra ferma, in cui sia possibile CONDIVIDERE, ESPORRE e CREARE.

Domanda di rito: con o senza mecenate?

Qui risponde la crew: ILLCOX, come gruppo di artisti e come progetto, un “mecenate” vero e proprio non l’ha, al massimo, possiamo parlare di un ideatore. Quello che usiamo per far crescere il progetto è mettere talento, voglia di fare e ambizione al servizio di tutti. In realtà, noi non siamo paragonabili a un fotografo che sa cosa fa e cosa vuole: fondamentalmente, noi non sappiamo ciò che facciamo e ciò che vogliamo, ma, fare tutto questo, ci piace da morire!